Kite Fishing

Le tecniche di pesca

I nuovi modelli progettati e realizzati dalla PM Model per il kite fishing in mare e nelle acque interne sono stati studiati nei minimi particolari per ottenere la massima prestazione in termini di trazione, stabilità e sicurezza rendendoli adatti anche per chi non ha mai fatto volare un aquilone.
Nel caso di utilizzo dell’aquilone da terra individuare una zona libera da ostacoli dove posizionare il picchetto di ancoraggio che servirà per agganciare l’aquilone. Per l’utilizzo dalla barca individuare un punto per ancorare l’aquilone in modo da non ostacolare la zona di pesca. Una volta aperto l’aquilone controllare che i fili della briglia non siano intrecciati. Collegare al moschettone del filo di pilotaggio sia il cavetto di sicurezza che il cavo di recupero. Con il vento alle spalle far decollare l’aquilone fino a raggiungere la quota desiderata. Per semplificare e velocizzare il lancio ed il recupero dell’aquilone è consigliabile l’uso di una canna da pesca molto rigida munita di mulinello con bobina ad alta capacità.

filaccione

Pesca con filaccione

Consiste nel portare al largo un cavo con 10-20 terminali con ami. Scegliere la posizione dove si desidera posizionare le esche: sul fondo, a mezza acqua o in superficie, aggiungendo piombi al cavo. Alzare l’aquilone ad una quota di 50/60 mt ed ancorarlo al picchetto. Collegare il cordino con la bandiera di segnalazione al supporto anteriore della boa e l’altra estremità al filo di pilotaggio dell’aquilone. Riempire il sacchetto della zavorra con sabbia o sassi e collegarlo al supporto centrale della boa. Regolare il peso in base all’intensità del vento. L’aquilone dovrà riuscire a trascinare il peso senza sollevarlo da terra. All’interno del sacchetto potete inserire anche della pastura per richiamare i pesci. Collegare con un moschettone in acciaio il trave del filaccione al supporto posteriore della boa. Rilasciando il filo dell’aquilone il filaccione verrà portato in acqua alla distanza desiderata. Per semplificare e velocizzare il rilascio ed il recupero del filaccione munire i braccioli di agganci rapidi. I diametri dei fili e la misura degli ami variano in base al tipo di esche da innescare e dal pesce da insidiare.

Accessori necessari per questo tipo di pesca

Art 1132/1133 Cavo in Dacron da 150/200 lb
Art 5980/5985 Avvolgicavo diametro cm 20/25
Art 756 Supporto per sabbia
Art 761 Cavo con bandiera di segnalazione
Art 760 Boa
Art 763 Moschettoni in acciaio

Per la realizzazione del filaccione
per pesci di taglia media

Art 780 Matassa filo per trave
Art 790 Girelle per trave
Art 792 Aggancio rapido per braccioli
Art 785/786 ami in acciaio con occhiello n°1/2
Art 789 piombi gr 200

Vai allo Shop
surf-casting

Surf Casting

In questo tipo di pesca utilizziamo l’aquilone per portare al largo il filo della canna soprattutto quando peschiamo con esche voluminose che limitano notevolmente la distanza dei nostri lanci.
Per la pesca con esche classiche (vermi, sarde e trancio di cefalo) applicare al supporto posteriore della boa lo sgancio (art 766). Sul filo della canna inserire in ordine uno stopper in gomma, il cono di plastica, la perlina e la girella sulla quale verrà agganciato il trave con il finale. Lo stopper in gomma ha la funzione di bloccare il filo sullo sgancio e deve essere posizionato a circa 50/100cm dalla girella. Alzare l’aquilone ad una quota di 50/60 mt ed ancorarlo al picchetto. Collegare il cordino con la bandiera di segnalazione al supporto anteriore della boa e l’altra estremità al filo di pilotaggio dell’aquilone. Riempire il sacchetto della zavorra con sabbia o sassi e collegarlo al supporto centrale della boa. Regolare il peso in base all’intensità del vento. L’aquilone dovrà riuscire a trascinare il peso senza sollevarlo da terra.
Inserire il cono di plastica nel foro dello sgancio facendo passare il filo nell’asola inferiore. Aprire la frizione del mulinello in modo che il filo esca senza porre resistenza. Rilasciando il filo dell’aquilone la lenza verrà portata in acqua insieme alla boa. Raggiunto il punto desiderato stringere la frizione del mulinello, recuperare il filo in eccesso, con un movimento deciso tirare la canna verso di voi e successivamente rilasciarla. La lenza si sgancerà depositando sul fondo l’esca intatta.

Accessori necessari per questo tipo di pesca

Art 1132/1133 Cavo in Dacron da 150/200 lb
Art 5980/5985 Avvolgicavo diametro cm 20/25
Art 756 Supporto per sabbia
Art 761 Cavo con bandiera di segnalazione
Art 760 Boa
Art 763 Moschettoni in acciaio
Art 762 Sacchetto per la zavorra
Art 766 Supporto sgancio
Art 773 Set sgancio

Vai allo Shop
surf-casting-1

Pesca con esca viva

Preparare la montatura della canna inserendo sul filo del mulinello uno stopper,un galleggiante scorrevole, un piombo gr.15 con foro a passare e una girella per agganciare il terminale. Posizionare lo stopper per regolare la profondità. Prendere lo sgancio art. 767 e passare nei due fori il filo dell’aquilone in modo che possa scorrere liberamente. Alzare l’aquilone ad una quota di 50/60 mt ed ancorarlo al picchetto. Collegare il cordino con la bandiera di segnalazione al supporto anteriore della boa e l’altra estremità al filo di pilotaggio dell’aquilone. Riempire il sacchetto della zavorra con sabbia o sassi e collegarlo al supporto centrale della boa. Regolare il peso in base all’intensità del vento. L’aquilone dovrà riuscire a trascinare il peso senza sollevarlo da terra. All’interno del sacchetto potete inserire anche della pastura per richiamare i pesci.
Rilasciare il filo dell’aquilone e raggiunto una distanza di 20-30 metri dal cavo della boa bloccare lo sgancio con il Full stop. Regolare la tensione di apertura. Inserire il filo della lenza e chiudere il gancio. Aprire la frizione del mulinello in modo che il filo esca senza porre resistenza. Rilasciare il filo dell’aquilone fino a raggiungere il punto desiderato, chiudere la frizione e recuperare il filo in eccesso. La lenza si libererà all’attacco del predatore.

Per la pesca con esca viva
Art 767 Sgancio rapido
Art 768 Galleggiante scorrevole
Art 769 Piombo scorrevole
Art 770 Stopper
Art 772 Full stop ( mis.1 mis.3 )
Art 2072 Moschettone 150 lb

Vai allo Shop
bolentino

Pesca dalla Barca- Bolentino

Tipica pesca dalla barca dove con l’ausilio di un piombo vengono fatte scendere le esche sul fondo. In questo tipo di pesca possiamo utilizzare l’aquilone per  portare l’esca distante dalla barca per evitare che il pesce sia infastidito dall’ombra e dal rumore della barca stessa. Prendere lo sgancio, passare nei due fori il filo dell’aquilone in modo che possa scorrere liberamente, legare all’estremità del filo un moschettone da 150 lb per collegare l’aquilone. Alzare l’aquilone a 50/60 mt ed ancorarlo, bloccare lo sgancio con il Full stop e regolare la tensione d’apertura . Passare il filo della lenza e chiudere il gancio. Rilasciare contemporaneamente il filo dell’aquilone e quello della canna fino a raggiungere il punto desiderato, chiudere la frizione e recuperare il filo in eccesso. La lenza si libererà quando abboccherà il pesce. Con questo tipo di pesca ancorare la barca altrimenti l’aquilone tenderà a spostarla.

Accessori necessari per questo tipo di pesca

Art 1132/1133 Cavo in Dacron da 150/200 lb
Art 5980 Avvolgicavo
Art 767 Sgancio rapido
Art 772 Full stop (mis.3)
Art 2072 Moschettone 150 lb

Vai allo Shop
barca_esca

Pesca dalla barca con esca viva

In questo tipo di pesca l’aquilone permette di portare l’esca sulle maggianze e di poterla muovere  recuperando e rilasciando il cavo dell’aquilone. Preparare la montatura della canna inserendo sul filo del mulinello uno stopper, un galleggiante scorrevole, un piombo con foro a passare e una girella per agganciare il terminale. Posizionare lo stopper per regolare la profondità. Prendere lo sgancio, passare nei due fori il filo dell’aquilone in modo che possa scorrere liberamente, legare all’estremità del filo un moschettone da 150 lb per collegare l’aquilone. Alzare l’aquilone a 50/60 mt ed ancorarlo, bloccare lo sgancio con il Full stop e regolare la tensione d’apertura. Passare il filo della lenza e chiudere il gancio. Aprire la frizione del mulinello in modo che il filo esca senza porre resistenza. Rilasciare contemporaneamente il filo dell’aquilone e quello della canna fino a raggiungere il punto desiderato, chiudere la frizione e recuperare il filo in eccesso. La lenza si libererà all’attacco del predatore. Nel caso di utilizzo della boa collegarla al filo dell’aquilone con il cavetto da 20 mt completo di bandiera di segnalazione. La boa permette di avere lo sgancio ad un altezza minore consentendo una ferrata più rapida e sicura ed inoltre possiamo inserire la pastura nel sacchetto di zavorra.

Accessori necessari per questo tipo di pesca

Art 1132/1133 Cavo in Dacron da 150/200 lb
Art 5980 Avvolgicavo
Art 767 Sgancio rapido
Art 760 Boa
Art 763 Moschettone in acciaio
Art 762 Sacchetto per la zavorra
Art 761 Cavo con bandiera di segnalazione
Art 2072 Moschettone 150 lb
Art 768 Galleggiante scorrevole
Art 769 Piombo scorrevole
Art 770 Stopper
Art 772 Full stop ( mis.1 mis.3 )
Art 2072 Moschettone 150 lb

Vai allo Shop
traina

Pesca dalla Barca- Traina

L’utilizzo dell’aquilone nella pesca a traina permette di coprire più spazio con le vostre esche e di poterle presentare sul lato opposto della linea di taglio, inoltre permette di pescare anche in zone con bassi fondali dove non è sicuro navigare. Per questo tipo di pesca consigliamo di effettuare il lancio ed il recupero dell’aquilone con canna e mulinello per velocizzare le operazioni. Inserire sul filo dell’aquilone uno o due sganci facendo passare il filo all’interno dei fori in modo che possano scorrere liberamente, legare all’estremità del filo un moschettone da 200 lb per collegare l’aquilone. Alzare l’aquilone a 50/60 mt ed ancoratelo, bloccare lo sgancio con il Full stop alla distanza desiderata e regolare la tensione d’apertura. Passare il filo della lenza e chiudere il gancio. Aprire la frizione del mulinello in modo che il filo da pesca  esca senza porre resistenza. Rilasciare contemporaneamente il filo dell’aquilone e quello della canna fino a raggiungere il punto desiderato, chiudere la frizione e recuperare il filo in eccesso. La lenza si libererà all’attacco del predatore. Per la pesca a traina in superficie consigliamo l’utilizzo dei galleggianti a forma di cono o l’ovale.

Accessori necessari per questo tipo di pesca

Art 1132/1133 Cavo in Dacron da 150/200 lb
Art 795 Mulinello recupero aquilone
Art 798 Canna recupero aquilone
Art 775 Sgancio rapido
Art 772 Full stop ( mis.3 )
Art 764 Cono scorrevole per pesca in superficie
Art 765 Ovale scorrevole per pesca in superficie
Art 769 Piombo scorrevole gr.15
Art 2073 Moschettone 200 lb

Vai allo Shop